Vivo a ridosso di un bosco

Vivo a ridosso di un bosco. Oltre la pineta, separato da una fragile rete in metallo verde scuro, si estende una macchia di betulle, aceri, carpini bianchi e frassini. In estate, ai margini dei sentieri sterrati che si snodano tra gli alberi, una profusione di erica, genziane, ranuncoli, felci e salici rosmarifoglia. Ci sono ristagni d’acqua dove le raganelle improvvisano cori vivaci, tra i giunchi acuminati e l’elegante tifa. La mattina presto, il canto di una miriade di uccellini riempie l’aria e non penso esista una sveglia più bella. Il cielo è il regno di tre splendide poiane, inconfondibili per la maestosità del volo e il canto querulo. Il tempo è scandito dal timido picchio rosso, difficile da vedere, ma che fa sentire la sua presenza con il continuo picchiettare del becco sui tronchi più alti. Quando giunge la sera, il bubolare del gufo traghetta nel sonno. Volpi e scoiattoli abitano ancora tranquilli. L’autunno è un’esplosione di colori, il canto agonizzante di un tempo che sta per finire, mentre in inverno, puoi intravedere aironi cinerini che riposano e tra i rami spogli che tendono verso l’alto come dita ossute che implorano il cielo; regna il silenzio delle foglie cadute e l’eco senza voce dei ricordi, dove sovente mi aggiro, respiro e mi raccolgo, immaginando la primavera.

Pubblicato da pycall

I racconti di py

8 pensieri riguardo “Vivo a ridosso di un bosco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: